IRPEF Archives - Casa & Mutuo Agency

0882.33.34.27

info@casaemutuo.net

All posts tagged IRPEF

detrazioni fiscaliQUESITO

Ho acquistato appartamento come prima abitazione al centro di Roma, in un edificio in totale ristrutturazione (sono rimaste solo le strutture portanti sino alla sommità, trattandosi oltretutto di edificio degli anni ’60 di noto architetto). Ho già sottoscritto il compromesso. La consegna in toto dello stabile per tutti gli acquirenti è previsto entro il prossimo anno. La ristrutturazione prevede anche:

  • classe energetica massima;
  • adeguamento immobile alle misure antisismiche.

Vorrei sapere quali sono gli incentivi previsti per l’acquisto di un immobile che oggetto di questo tipo di ristrutturazione edilizia.

Approfondisci

deduzione_20Al via la deduzione del 20% per chi acquista un immobile e poi l’affitta. Pubblicato in Gazzetta il decreto con le modalità di attuazione e le procedure di verifica

Il DL 133/2014 (convertito dalla legge 164/2014) ha introdotto una particolare agevolazione fiscale per chi acquista un immobile a destinazione abitativa e lo affitta, consistente in una deduzione dal proprio reddito del 20% del costo di acquisto dell’immobile, o delle spese di costruzione, risultante dall’atto notarile di compravendita.

Approfondisci

scad_fiscaliNumerose, forse troppe, le scadenze fiscali di novembre, tra IVA, acconto IRPEF, addizionali IRPEF, IRAP, IRES, Canone RAI, ritenute d’imposta e così via. Nel complesso si stimano entrate per l’Erario pari a 53,5 miliardi di euro. Riassumiamo di seguito l’elenco delle scadenze fiscali che vedono interessati in questo mese lavoratori dipendenti, autonomi, imprese, società di capitali e sostituti d’imposta.

Approfondisci

acconto_730I lavoratori dipendenti e i pensionati che vogliono chiedere la riduzione dell’acconto 730/2015, relativo a IRPEF e cedolare secca, che i sostituti d’imposta versano in novembre, devono presentare la domanda, in forma scritta, all’impresa o all’ente previdenziale entro la fine del mese di settembre. Il Fisco calcola gli acconti in base ai redditi relativi all’annalualità precedente (quindi, nel caso specifico, in base ai redditi 2014, dichiarati nel 730/2015). Se il contribuente ritiene però che nel 2015 guadagnerà meno, oppure avrà oneri deducibili o detraibili maggiori, può chiedere un versamento inferiore a titolo di acconto 2015, rivolgendosi direttamente al proprio sostituto d’imposta.

Approfondisci